STORIA

La tenuta è di Camillo Bernasocchi.

Un tempo limitata alla proprietà della famiglia, la tenuta, dopo essere stata rilevata da Camillo verso la fine degli anni ottanta del Novecento, si è progressivamente ingrandita con l’acquisizione di vari appezzamenti.

Alcuni di questi contigui alla proprietà, altri, anche di notevole dimensione, sono invece  situati più a monte.

 

Camillo cura personalmente i vigneti, vinifica e distilla nella tenuta di Carasso. Il vino, come diceva Pietro Stara, è una pratica culturale. Camillo coltiva questa passione da circa trent’anni.

Che dire dei prodotti della tenuta? Il vino è un nettare che più delle parole, che per quanto ricercate non gli renderanno giustizia mai, ha bisogno del palato.

 

Come un comandamento per Göthe:

la vita è troppo breve per bere vini mediocri.